Dessert: Omelette alla marmellata

OmeletteallaMarmellata.gif

Difficoltà: Media  — Tempo prep.: 5 min.  — Cottura: 5 min.

 

 Ingredienti per 4 persone:
Uova: 6. Marmellata di albicocche o pesche: 80 g. Zucchero: 50 g. Burro: 1 cucchiaio. Sale: 1 pizzico.
VINI CONSIGLIATI:Ramandolo (Friuli-Venezia Giulia) a 12 °C – Ansonica amabile (Toscana) a 12°C –

                              Lacryma Christi bianco amabile (Campania) a 12°C

 

Procedimento:

Sbattete leggermente in una terrina le uova con il sale e un cucchiaio di zucchero abbondante. Preparate quindi l’omelette versando 1/4 di composto nella padella calda con il burro; ruotate la padella per distribuire bene le uova e quando la frittatina è rappresa fatela scivolare su un piatto. Ripetete 4 volte. Scaldate leggermente la marmellata e mettetela al centro delle omelettes prima di ripiegarle. Sistemate le omelettes così preparate su un piatto di portata già caldo. Cospargetele con lo zucchero rimasto e con una forchetta arroventato formate dei disegni sulla superficie.

 

CONSIGLI PRATICI:Si può anche usare confettura di arancia, diluita con poco Grand Mornier o mandarinetto. Si avrà in tal modo un dolce che ricorda le Crèpes Suzette.

Nota Dietetica:E un’ottima merenda, ma sconsigliato come dessert a fine pasto perché, essendo molto ricca di proteine e nutriente, affaticherebbe notevolmente la digestione. Sconsigliata comunque in caso di diabete, colesterolo elevato, ipertensione, diete dimagranti, allergie alimentari. Ricordarsi che le uova fritte hanno un tempo di permanenza nello stomaco di circa 180 minuti: faccia attenzione dunque chi soffre di malattie dell’apparato digerente o chi è particolarmente sensibile e delicato. Se le preparate per i bambini non utilizzate liquore.

CURIOSITÀ:È l’omelette confiture dei Francesi; analoga preparazione è l’omelette flambée, senza ripieno di marmellata, che viene irrorata di brandy e incendiata prima di essere servita.

Dessert: Omelette alla marmellataultima modifica: 2012-03-30T21:11:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento