Ci vediamo per il Brunch?

Brunch.gif

Secondo la tradizione anglosassone, che l’ha inventato, il brunch si consuma nei giorni di festa, in tarda mattinata. Nasce dall’unione di breakfast (prima colazione) e Lunch (pranzo) ed è in sostanza un pasto che ne comprende due. L ‘idea vincente è portare in tavola dolci delizie e piatti salati, lasciando gli ospiti liberi di scegliere…

Il brunch e’ quanto di meno formale si possa immaginare. Data la sua particolare atmosfera rilassata, potete anche arrivare un pò in ritardo sull’ora stabilita. Sarebbe simpatico, comunque, non presentarsi a mani vuote.
Pizzettine calde, croissant freschi, torte ecc. sono sempre graditissimi.

 

Il giorno prima: Potete decidere il menù. Facendo una lista e comprare le cose che mancano. Alcuni piatti si possono preparare prima: frittate e torte salate, per esempio, buone anche da gustare fredde, compreso le spremute.

 

La sera prima: Preparate la tavola, scegliendo colori vivaci per tovaglia e tovaglioli. Disponete  piatti, bicchieri, tazze e posate a sufficienza.  Mettendo anche vasetti di marmellata e di miele, la zuccheriera ecc. Insomma tutto quello che non ha bisogno di essere tirato fuori all’ultimo.

 

La mattina… con calma: Levate dal frigo burro e formaggi; preparate  tè e caffè in abbondanza e si possono versare nelle caraffe thermos. Poi pensare alle ultime cose: pane tostato, piatto dei formaggi (ormai a temperatura), salumi.., cose così; insomma. Non vi rimane che portare tutto in tavola e… ricevere gli amici.

 

A CIASCUNO IL SUO:
Del brunch mi piace tutto. Il suo orario, perfetto per i giorni di festa, quando ci si sveglia tardi, un po’ affamati, e una semplice colazione non basterebbe; la sua durata esagerata (in genere dalle 11 alle 14,30 e oltre); la libertà di passare dal dolce al salato e viceversa; e tutto in un’atmosfera rilassata e chiacchierona.
Ma, cosa si serve ad un brunch? Eccovi quattro possibili menu: potete seguirli, completarli o reinventarli del tutto. Nel brunch non ci sono regole… è anche per questo che mi piace!

 

Brunch tradizionale:BrunchTradizionale.gif

Prevede brioches, biscotti, fette biscottate, burro, marmellate, torte dolci, miele, latte, tè, caffè, cioccolato, yogurt, spremute, frullati, torte salate, tartine, pizzette, focaccine, crostini, formaggi e salumi vari, uova, verdure e frutta fresca.

 

BrunchSportivo1.gifBrunch sportivo:

Anche se concepito per un momento di ozio, il brunch può essere… sportivo. Basta scegliere gli alimenti giusti: verdure, frutta di stagione, latte, yogurt, carni magre, cereali, integrali ecc., privilegiando la qualità alla quantità.

 

Brunch chic:BrunchChic.gif

Volete dare un tocco di classe al vostro brunch? Accanto a scelte più tradizionali, potete proporre paté, ostriche, crépes, croissant, caviale, crème caramel, formaggi come brie e camembert e, naturalmente, champagne.

 

Brunch etnico:

Per chi ama viaggiare con i sapori del mondo. Le possibilità sono infinite: si va dal cuscus al taboulé, dal tandoori al sushi, dalle tortillas alle tapas… Quanto alle bevande, non fate mancare tè verde, carcadè, caffè lungo e birra.

 

 

 

METTI IN TAVOLA IL FRULLATORE

Organizzate sulla tavola uno spazio per il frullatore e mettetegli accanto una brocca di latte e un cesto di frutta fresca. Sarà divertente per i vostri amici prepararsi frappè e frullati secondo il proprio gusto.

 

Brunchtradizionale2.gif

 

 

Ci vediamo per il Brunch?ultima modifica: 2012-05-08T15:57:00+00:00da admin

2 pensieri su “Ci vediamo per il Brunch?

Lascia un commento